Come perdere peso e restare in forma, scegliendo la dieta più adatta
Regalo di Laurea: 5 idee per colpire nel segno 

Quanto è giusto stare con una persona prima di sposarla?

Uno dei quesiti delle coppie è: quando sposarsi? Alcuni preferiscono non far passare tanti anni, altri ancora vogliono sentirsi sicuri al 100% della persona che hanno affianco. Senza contare che uno dei due potrebbe sentirsi già pronto a compiere il grande passo mentre il partner no. Il risultato è una sorta di indecisione che instaura molta confusione su quando sposarsi. Ma esiste davvero un periodo di tempo standard?

Quanto è giusto stare con una persona prima di sposarla?
Condividi:
Punteggio: 0 su 0 voti
-
La Redazione di inVIPtus

 Cosa dicono le statistiche

Una ricerca di un sito inglese ha rivelato come la media delle coppie inglesi sia di circa 4 anni e 9 mesi prima di sposarsi. Sono state intervistate 4000 persone sposate ed è stato chiesto loro quanto tempo fosse passato dal primo giorno insieme alla celebrazione delle nozze. Dalle risposte è risultato che il periodo ideale per passare alla convivenza è (sempre in base ai risultati medi della statistica) 17 mesi ovvero poco meno di un anno e mezzo. A questo periodo si aggiungono 22 mesi per il fidanzamento ufficiale e altri 2 mesi per il matrimonio vero e proprio.

Parlando di merà età, le donne si sposavano in genere sui 30 anni, mentre gli uomini a 32 anni. Insomma un'età media in cui si è ancora giovani ma non immaturi.

Ovviamente questi sono solo numeri e bisogna tenere conto del contesto italiano che è molto diverso da quello inglese.

Gli italiani tendono infatti a sposarsi bypassando la convivenza, le donne infatti spesso temono che quest'ultima possa sostituirsi al matrimonio vero e proprio.

matrimonio

La verità sul matrimonio

Prendendo questi risultati con le pinze e tenendo conto delle rispettive differenze, la media di 4-5 anni di coppia prima del matrimonio sembra essere un giusto compromesso tra chi convolerebbe a nozze dopo poco tempo (con il rischio di non conoscere bene il partner) e chi vorrebbe aspettare sempre l'anno successivo (il classico duemilamai). La verità è che nonostante questi risultati siano stati compiuti su coppie ancora felicemente sposate, c'è un 5% che non consiglia di sposarsi e un 15% che non ritiene che il matrimonio abbia rinforzato il rapporto. Ergo, seppur una minoranza, le cose non sono andate come previsto.

Questo significa che il matrimonio è un passo da compiere quando entrambi i partner sono pienamente convinti di passare insieme tutta la vita, che non vale calcare la mano e spingere su questo tasto perché a lungo andare è altamente deleterio per la coppia.

Sposatevi senza tenere conto dei numeri, delle statistiche o delle ricerche perché l'amore, quello vero, esclude qualsiasi razionalità.

invpt_button (1)

Go Shopping

}); });